Interventi di Formazione teorico-esperenziale rivolti ad operatori che lavorano con pazienti a prognosi infausta.

Referente Progetto: Maria Berica Tortorani
Qualifica: Psicoterapeuta

Dove si è svolto

Pistoia

Ente promotore o patrocinante

ASL Toscana Centro

Contesto

Azienda Sanitaria Locale Toscana Centro

Bisogni/necessità cui fa fronte il progetto

Formazione degli operatori sulle tematiche di fine vita

Descrizione dei beneficiari/utenti

Operatori sanitari afferenti da varie professionalità: Fisioterapisti della Riabilitazione, Infermieri, OSS, Medici di varie Specialità, Logopediste

Obiettivi

Operatori sanitari afferenti da varie professionalità: Fisioterapisti della Riabilitazione, Infermieri, OSS, Medici di varie Specialità, Logopediste

Metodologia e strumenti adottati

Corsi di formazione a livello di gruppo, colloqui individuali

Descrizione

L’impatto con le tematiche di fine vita può rappresentare uno degli ambiti di indagine più difficile e inquietante della nostra vita. A partire da questa considerazione, nel momento in cui mi è stato richiesto di organizzare dei corsi di Formazione per operatori che lavoravano con pazienti a prognosi infausta, ho elaborato un costrutto metodologico che tendesse a scoraggiare l’attivazione di istanze difensive. E , al contempo, potesse favorire l’attivazione di forze psichiche di sostegno e supporto, presenti all’interno di ogni persona. Nel periodo dal 2012 al 2020, all’interno della Azienda Sanitaria Locale Toscana Centro, ho condotto Gruppi di Formazione rivolti ad operatori, di varia professionalità, che lavoravano con pazienti a prognosi infausta.

Il focus si orientava, quindi, sul fornire strumenti teorico-pratici che potessero aiutare gli operatori a gestire il forte impatto emotivo generato dalla costante esposizione alla morte e dal contatto con questa particolare tipologia di utenza. Gli incontri si svolgevano a livello di gruppo e si articolavano con percorsi teorico-esperenziali che incoraggiavano i partecipanti, ad avviare percorsi di consapevolezza degli scenari interni, correlati al fine vita.

Il progetto vuole descrivere la particolarità del costrutto metodologico che interfacciava contributi teorici con esercitazioni di tipo esperenziali, che consentissero l’adesione all’evento, vissuto su un piano emotivo, il più possibile sganciato dal controllo mentale e direttamente collegato ai vissuti personali più autentici.

Per rafforzare questo processo ,tali esercitazioni erano precedute dalla proposizione di tecniche di Consapevolezza corporea e di Meditazione.

Questa impostazione metodologica ha generato spazi di indagine ed ascolto autentici e meno mediati dalle istanze mentali.

In più, gli aspetti associati alla meditazione e al contatto col respiro, introducevano e allenavano all’apprendimento dello “status” che favorisce la messa in opera delle buone prassi nell’accompagnamento al fine vita.

Attività svolte o in corso

Le attività si sono concluse con il mio pensionamento dalla ASL, avvenuto nel maggio 2020.

Modalità di verifica

Questionari di gradimento somministrati ai partecipanti a conclusione degli eventi formativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.